La Sicilia di Montalbano

Elvira, la prima donna di Montalbano

È stata lei a farmi accorgere di questo grande tesoro che sono i libri di Camilleri.

Tratto da un’intervista del Corriere della Sera a Carlo Degli Esposti.

Gli ascolti elevati non sono sempre garanzia di qualità in tv. Eppure, qualche eccezione esiste. I fuoriclasse poi, quelli che riescono non solo ad abbattere il muro del suono dei 10 milioni di spettatori, ma a raccogliere critiche positive in tutto il mondo sono veri e propri eventi miracolosi. È questo il caso del Commissario Montalbano

Montalbano è la fiction più local che la tv italiana abbia mai prodotto eppure è venduta all’estero in 62 paesi. Almeno credo, ormai ho perso il conto – spiega il produttore della Palomar, Carlo Degli Esposti, che ha seguito il progetto sin dall’inizio – Il segreto? Essere sinceri e rispettosi dell’opera letteraria, non tradirla mai ma darle respiro attraverso le immagini».

«Devo dire diversi grazie per questo successo, ma quello più grande va a Elvira Sellerio, una grande donna e intellettuale che l’Italia rimpiange ogni giorno – ricorda Degli Esposti – È stata lei a farmi accorgere di questo grande tesoro che sono i libri di Camilleri.Passai da Palermo, e lei che aveva appena pubblicato i primi due libri me li dette in mano e disse leggili perché possono essere buoni anche per la tv. Lei ci vedeva lungo e io le ho dato ascolto. Così ho potuto lavorare a questa operazione e fin da subito, cercando di non tradire l’opera letteraria, ma di darle respiro»

Ed è stata la stessa Sellerio a far capire a tutti di aver fatto centro: «Insieme a Camilleri l’ho invitata a vedere il primo montaggio dei primi due episodi. Quando si sono accese le luci Elvira ha detto ‘sono venuti proprio bene’ . Ecco, di tutto il lavoro di questi anni è la sua figura che ricordo con più commozione».Gran parte del successo arriva dalla scelta di Luca Zingaretti come protagonista: «Vinse il provino 15 anni fa, è stato di gran lunga il migliore di tutti – ricorda Degli Esposti – Non abbiamo badato alle contingenze del momento: non era un attore famoso al tempo. Ma era di grande talento e tutti ora glielo riconoscono».

«Il nostro team di sceneggiatori ha lavorato con Camilleri su ogni puntata» dice il produttore. Nessun problema a portare sullo schermo temi scomodi come con la corruzione e l’intreccio tra mafia e politica che Camilleri inserisce nei suoi libri? «Mai, si tratta di temi sociali importanti per dare spessore alla storia. Quelli di Cammilleri sono sfoghi etici e la politica viene sempre dopo l’etica. Davvero, problemi io non me ne pongo perché vado onestamente a rappresentare un’opra letteraria di grande valore» chiarisce il produttore. Dopotutto, «tutti noi dobbiamo ringraziare Camilleri. La Sicilia deve tanto a Camilleri che l’ha descritta come un sogno per il mondo intero».

Fonte: http://roma.corriere.it/roma/notizie/arte_e_cultura/13_maggio_5/montalbano-lamadiluce-serata-auditorium-212988805033.shtml?refresh_ce-cp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *